Passa ai contenuti principali

Post

Finalmente il mio romanzo ha un titolo!

Prima di tutto vorrei dire un enorme grazie a tutti per il caloroso aiuto che mi avete dato a risolvere il problema della scelta del titolo. Ringrazio di cuore tutti i votanti il sondaggio, sia chi si è palesato, sia chi ha votato in segreto. E grazie anche a chi mi ha scritto in privato per darmi suggerimenti alternativi. Senza dubbio è stata un'esperienza molto positiva poter condividere tutto questo con voi, con buona pace di chi diceva che era una follia affidare ad altri una cosa delicata come il titolo del proprio romanzo. In fondo, per me non è stato diverso dal chiedere il parere a un gruppo di amici su una decisione che mi stava molto a cuore e che mi faceva penare parecchio.
Post recenti

Francesco Ambrosio presenta “Malkha, le avventure del giovane Nedo”

Per la presentazione del libro di oggi vi propongo il romanzo “Malkha, le avventure del giovane Nedo”. Ce ne parla l'autore, Francesco Ambrosio.

Sinossi Nedo, un giovane alieno del pianeta Abixinia a cui deve ancora spuntare la coda, è un sognatore sulla scia del fratello Blik. Ma sarà proprio la misteriosa scomparsa di quest’ultimo durante una missione nello spazio insieme ad altri quattro ricercatori a infondere nel ragazzo il coraggio necessario per intraprendere il suo primo viaggio nello spazio e mettersi alla ricerca del fratello.
In questa sua ricerca Nedo, in compagnia di un bizzarro jeibex e della scorbutica Kita, dovrà svelare il mistero dei labirinti parastellari sparsi qua e là nello spazio, costruiti dal leggendario celestiale di nome Malkha. Ma in questa sua ricerca il protagonista dovrà far fronte a una minaccia che non smetterà mai di seguirlo. Questo non è un romanzo di fantascienza ma un fantasy fiabesco che si spinge oltre i limiti della realtà. Viaggi spaziali, …

Guida a CreateSpace in promozione gratuita

Cari amici, prima di tutto vorrei ringraziare tutti i votanti al sondaggio. Come speravo, le vostre opinioni si stanno rivelando molto utili per la mia scelta. Ho deciso comunque di tenere aperto il voto ancora per qualche giorno. Quindi, se ancora non avete espresso la vostra preferenza sul titolo del prossimo romanzo, siete ancora in tempo per farlo: qui il post con il sondaggio. Vi anticipo anche che quest'esperienza si sta rivelando molto utile per me da svariati punti di vista, quindi ne sono molto contenta. Presto comunque vi comunicherò i risultati e i nomi dei vincitori delle copie omaggio.

Cercasi titolo disperatamente

Questo post è una richiesta d'aiuto! Infatti, il mio romanzo terzogenito, in dirittura d'arrivo per la pubblicazione, ancora non è stato battezzato ufficialmente con un nome.
Il titolo con cui era nato diversi anni fa, ormai non rispecchia più la storia, soprattutto dopo ben tre riscritture che ne hanno cambiato i connotati in modo radicale. Dunque, dopo alcuni mesi di riflessione e di brainstorming selvaggio, ho stilato un elenco di possibili titoli, che oggi vi sottopongo in un sondaggio perché possiate aiutarmi (spero) in questa ardua scelta.

Viaggio intorno alla copertina di “Bagliori nel buio”

Circa un anno fa vi ho raccontato come è nata la nuova copertina di “Bagliori nel buio” e cosa mi ha portato alla decisione di cambiarla. Un'esperienza che ho avuto il piacere di condividere con alcuni di voi e di cui conservo a distanza di tempo un bellissimo ricordo.
Oggi, grazie all'iniziativa di Art Over Covers, vi invito a fare un piccolo viaggio alla scoperta di colori e simbolismi dell'immagine che ho scelto per rappresentare il mio romanzo.

Luigi Manno presenta “Autore cercasi”

Nell'ambito delle presentazioni qui su Anima di carta, oggi vi propongo un romanzo dal titolo “Autore cercasi”. A parlarcene è l'autore stesso, Luigi Manno.

Sinossi Uno scrittore alle prese con un successo inaspettato si ritrova di fronte alla sua inettitudine, aggravata da una crisi creativa che rovinerà la sua vita. Ma, quando tutto sembra perso, la comparsa di un personaggio sconosciuto ribalterà la situazione, provocando conseguenze inaspettate.

Il Liebster Award approda anche qui

Ebbene sì, pure se con immenso ritardo, ho deciso anche io di cedere al Liebster Award annuale. Per i pochi che ancora non lo sanno, si tratta di un riconoscimento virtuale per blog, un segno di apprezzamento accompagnato da undici domande a cui i premiati devono (facciamo possono...) rispondere.

Per l'occasione ringrazio per la gradita nomina i quattro blogger che hanno premiato Anima di carta: Barbara Businaro di Webnauta, Giovanni Venturi di Giochi di parole... con le parole, Tiziana e Calibano de La voce di Calibano, e Megalis di Storia d'un leggero vento d'aprile.

10 indizi sul mio nuovo romanzo

Sono passate diverse settimane ormai da quando ho messo la parola fine al mio terzo romanzo, compresa l'ennesima revisione. Come vi ho raccontato, è stato un parto parecchio tormentato, come del resto è stato travagliato l'intero percorso di questo romanzo. Forse proprio a causa del pesante bagaglio che si porta dietro e al sopravvenire di una certa saturazione da parte mia, ho sentito il bisogno di prendermi una pausa prima di affrontare la mole di lavoro pre-pubblicazione.
In questi giorni sono tornata a occuparmene, ma a oggi ancora ho dei dubbi sul titolo, non ho fissato una data di uscita e comincia a crescere l'ansia. Accanto a questi piccoli dilemmi c'è però anche la serenità di aver messo moltissimo impegno in questa storia e la speranza che possa incontrare il favore dei lettori.

In attesa dunque che la pubblicazione si concretizzi, ho pensato di darvi qualche assaggino del romanzo.

Sara “Shifter” Pellucchi presenta “Foschie”

Tornano da oggi le presentazioni di romanzi o raccolte di racconti, con gli autori stessi che parlano in prima persona delle loro opere. 
Foschie” è il titolo del romanzo che vi propongo quest'oggi. Ce lo presenta direttamente l'autrice, Sara “Shifter” Pellucchi. Come sempre, domande e commenti sono i benvenuti!

Sinossi Foschie è la storia di una nascita dall’albore primordiale del nero, scaturigine della vita anche nell’arte. E Montserrat è la creatura fantastica data alla luce dall’artista, una reificazione, come si direbbe in gergo psicanalitico, di un pensiero che si esplicita sulla tela con tutto il portato di un’infanzia che vuole tornare a giocare.
Il buio amico pieno di sorprese sarà la scenografia di Montserrat per le sue bizzarre storie. Perché i sogni incantano e creano un mondo nuovo, pieno di avventure e situazioni insolite.
Ma cosa ci sarà oltre il velo che separa il mondo della quotidianità e quello onirico? A chi appartiene la voce che proviene dal di fuori? Una…

Ha senso parlare di autoeditoria?

Oggi avevo programmato un altro post, ma leggendo laLettera all'autoeditore del blog Dadovestoscrivendo di Helgaldo mi è venuta voglia di fare qualche riflessione in proposito. Solo riflessioni, sia ben chiaro. Ovviamente, prima di tutto, vi invito a leggere l'articolo originale, che pur usando toni sarcastici pone delle questioni su cui vale la pena ragionare.