Passa ai contenuti principali

Come un dio immortale - Estratto #5


Mi soffermo ancora un attimo sul capitolo 6 per il brano di oggi tratto dal mio romanzo Come un dio immortale, perché è un momento della storia che mi sta molto a cuore.
Dopo essere stato aggredito, Flavio, si è ritrovato dentro una baracca in compagnia di una strana, giovane donna. Fuori è in corso una tromba d'aria...

Qui sotto troverete il brano più esteso. Buona domenica!

Flavio doveva sforzarsi di non badare al contatto del corpo di lei contro il suo, ai fianchi che aderivano uno con l’altro, alle gambe intrecciate, al respiro di Lyra sulla sua guancia.
«Ascolta il vento, ora», lo invitò. «Può portarti lontano. È così imprevedibile e magico, a volte possessivo e smanioso. O travolgente, come adesso. Lasciati andare».
Flavio sentì il tocco gelido ma carezzevole della mano nella sua. Il suo respiro stava accelerando, mentre quello di lei era lento e regolare. Sbirciò il volto marmoreo, vagamente ravvivato dalla luce della stufa e notò che aveva lo sguardo assorto e malinconico.
Fuori le raffiche diventavano sempre più intense e irruenti ma non sembravano penetrare all’interno, come se la casa, benché fatiscente, fosse protetta da un’invisibile barriera. A poco a poco i guaiti del vento divennero suoni lontani. Mentre si assopiva per il calore, Flavio si chiese se avrebbe mai fatto ritorno a casa.

Commenti

  1. Apprezzo molto che gli agenti atmosferici accompagnino le scene, in particolare quando ne rafforzano l'intensità, come succede qui. E' carino avere letto il libro e ritrovare pezzetti di lettura nei tuoi estratti. :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie, ne sono felice!
      In effetti a me piace molto quando gli elementi esterni si riflettono o entrano in contrasto con l'interiorità dei personaggi :)

      Elimina
  2. Come darti torto è molto bella la contrapposizione tra il dentro e il fuori. Fuori la tempesta dentro il calore. Proprio come se i sentimenti non potessero venire scalfiti da nulla di materiale.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Bella interpretazione, Nadia! Sì, forse questo è proprio uno dei primi passaggi della storia che sottolineano questo contrasto. Grazie!

      Elimina
  3. Un pezzo ad alta intensità emozionale. Lo ricordo e mi è piaciuto rileggerlo ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Rosalia, mi fa davvero piacere che ti sia rimasto impresso ;)

      Elimina
  4. Molto bello anche questo estratto.

    RispondiElimina
  5. Io farei un estratto-immagine anche di questa "Flavio doveva sforzarsi di non badare al contatto del corpo di lei contro il suo, ai fianchi che aderivano uno con l’altro, alle gambe intrecciate, al respiro di Lyra sulla sua guancia." Con qualche tinta di rosso cupo... E' ancora il periodo giusto. ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi piace molto l'idea, penso proprio che accoglierò l'idea! Direi che potrei fare qualche puntata speciale di questo tipo... ^_^ Grazie, Barbara!

      Elimina

Posta un commento

Ogni contributo è prezioso, non dimenticarti di lasciare la tua opinione dopo la lettura.
Se commenti per la prima volta, ti consiglio di:
1) accedere all'account con cui vuoi firmarti
2) ricaricare la pagina
3) solo allora inserire il commento.
Se vuoi ricevere una notifica per e-mail con le risposte, metti la spunta su "inviami notifiche".
(Ti prego di non inserire link o indirizzi e-mail, altrimenti sarò costretta a rimuovere il commento. Grazie!)